Menu

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.dimensioneverde.eu/home/magazine/plugins/content/jw_sigpro/jw_sigpro.php on line 51

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.dimensioneverde.eu/home/magazine/plugins/content/jw_sigpro/jw_sigpro.php on line 52

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.dimensioneverde.eu/home/magazine/plugins/content/jw_sigpro/jw_sigpro.php on line 51

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.dimensioneverde.eu/home/magazine/plugins/content/jw_sigpro/jw_sigpro.php on line 52

La Pomelia: caratteristiche e curiosità

La Pomelia: caratteristiche e curiosità

La pomelia è una pianta tropicale, famosa per i suoi fiori colorati e profumatissimi. È un arbusto succulento dal fusto inizialmente carnoso che diventa nel tempo legnoso e dalle foglie caduche. Non necessita di molte cure ed è una pianta adatta sia ad esterni sia ad interni.

Coltivazione e cure

Predilige la luce diretta e può anche essere lasciata all'esterno, in pieno sole. Sopporta temperature estive molto elevate, mentre non riesce a tollerare le gelate e le temperature sotto gli 8 gradi; per questo, d’inverno, è consigliabile sistemare la pomelia all’interno, in un ambiente riparato e dal clima mite.

In inverno non necessita d'innaffiatura. Durante questa stagione, il suo ciclo vitale la porta a perdere le foglie naturalmente. In primavera vegeta ed in estate fiorisce e per tutto questo periodo è importante innaffiare la pianta solo quando il terreno è asciutto, evitando il ristagno idrico.

Va concimata nel periodo primaverile con concime liquido equilibrato ( 20- 20- 20 ) e in quello estivo con un concime di alto titolo di P e K.
In caso di ragno rosso o afidi trattare con prodotti specifici.

Se con l'arrivo del clima più freddo noti una progressiva caduta delle foglie, non preoccuparti; quasi tutte le piante di Pomelia perdono completamente le foglie con l'inizio dell'inverno.

APPROFONDIMENTI

Il nome italiano ufficiale della pianta è plumeria, derivato da quello del botanico Charles Plumier ( 1646 – 1706 ), pioniere degli studi sulla flora tropicale del Nuovo Mondo per conto del re di Francia. Meno frequente è ormai la denominazione frangipani, dal nome del conte Muzio Frangipani, inventore di un profumo composto d’ambra e zibetto, di moda in Francia al tempo di Caterina de’ Medici. In Sicilia, i palermitani la chiamano Pomelia creando un nome siciliano, manifestazione del grande amore dei siciliani nei confronti di questa pianta.

SCHEDA TECNICA

• Nome Botanico: Plumeria rubra L.

• Nome Volgare: Pomelia

• Famiglia: Apocynaceae

• Sinonimi: Frangipani

• Tipo: shrub

• Altezza: da 2,50 m. to 4 m.

• Colori Fiori: white, white and yellow, white-yellow-pink, pink, red

• Aspetto superficie fogliare: rough

• Numero di petali: cinque o sette

• Rifiorenza: continua e prolungata

• Profumo: intenso

• Fiore Reciso: si

• Fusto: Carnoso che diventa legnoso col tempo

• Forma foglia: Grandi, lanceolate, appuntite

• Fiore: Imbutiformi, con 5 o 7 petali, dai più svariati colori, intensamente

profumati e riuniti in infiorescenze

• Stelo: Carnoso

• Sempreverde: no

• Epoca di fioritura: Estate

• Habitat: Zone tropicali delle Isole del Pacifico, Caraibi, Sud America e Messico, diffuso in gran parte dei paesi a clima tropicale o sub-tropicale o della Liguria

• Distribuzione in Italia: All'esterno solo in Sicilia e nelle zone costiere del sud Italia.

Origini e Curiosità

In India viene chiamata "la pianta del tempio" in quanto si usa portarla nei templi come offerta e viene piantata in prossimità di edifici sacri e cimiteri. Nelle Hawaii viene usata per fare ghirlande, simbolo della fratellanza e dell’ospitalità. Gli atzechi la veneravano come una pianta sacra perché colpiti dalle sue qualità terapeutiche per contrastare le debolezze del cuore e cicatrizzare le ferite. In Sicilia, a Palermo, la sposa che va a vivere in una nuova casa riceve dalla madre una pomelia, come auspicio di fertilità formulato attraverso l’analogia di esempio della forza vegetativa della pianta. I fiori vengono utilizzati per fare i bouquet delle spose palermitane.

Usi Medicinali, Alimentari e Industriali

In centro America la pomelia viene utilizzata come antireumatico e cicatrizzante. Grazie al suo profumo - che a seconda della varietà cambia dal gelsomino al garofano, alla cannella, alla rosa, alla mandorla etc. - viene sfruttata dall’industria per produrre saponi, cosmetici, ambre solari. In Asia le foglie essiccate vengono utilizzate per una miscela di tè dagli effetti antipiretici, astringenti, purificanti, e disintossicanti. In Cina la popolazione Dai esegue la frittura dei fiori bianchi passati in pastella. Il lattice del fusto è utilizzato per produrre un tipo di gomma.

L'albero delle uova

In Sicilia, a Palermo, da sempre le casalinghe tenevano una pianta di pomelia in veranda; prima che facesse freddo iniziavano a conservare i gusci delle uova, da usare come protezione per i futuri germogli. Il guscio che le proteggeva da eventuali grandinate, con la sua porosità e l’apertura sottostante, creava una certa ventilazione; pertanto, nei giorni di sole invernale, evitava il riscaldamento interno e l’aumento di un’eccessiva condensa, dannosa per la gemma.

Floriterapia

Nella Floriterapia Australiana il Fiore RED SUVA FRANGIPANI (Plumeria rubra) è quello destinato alla cura del dolore e alla tristezza iniziali, nonchè al turbamento per la fine di una relazione o la perdita di una persona cara. È un fiore utile anche in caso di sconvolgimento, agitazione e sofferenza emozionale. Per ritrovare la pace interiore e la forza per fronteggiare la situazione.

Seguici su facebook per condividere consigli e opinioni insieme ad altri appassionati dal pollice verde!