Menu

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.dimensioneverde.eu/home/magazine/plugins/content/jw_sigpro/jw_sigpro.php on line 51

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.dimensioneverde.eu/home/magazine/plugins/content/jw_sigpro/jw_sigpro.php on line 52

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.dimensioneverde.eu/home/magazine/plugins/content/jw_sigpro/jw_sigpro.php on line 51

Strict Standards: Only variables should be assigned by reference in /web/htdocs/www.dimensioneverde.eu/home/magazine/plugins/content/jw_sigpro/jw_sigpro.php on line 52

Abete Normandiana: l’albero di Natale In evidenza

Abete Normandiana: l’albero di Natale

L’Abies Nordmandiana, conosciuta anche come Abete del Caucaso, è nota ai più per essere l’albero che allieta e riscalda l’atmosfera delle nostre case durante il periodo natalizio.

Originaria del Caucaso, dell’Anatolia settentrionale e dell’Armenia, questa specie raggiunge le sue condizioni ottimali a circa 25 metri di altezza.

La sua chioma piramidale, svasata alla base, è ormai un simbolo delle festività invernali. Le foglie sono aghiformi e coriacee, con una lunghezza di massimo 3 cm e dal colore verde scuro e lucido.

Questa tipologia di abete preferisce un clima temperato-freddo e un terreno moderatamente calcareo, fresco e ricco, nonostante riesca ad adattarsi molto bene a terreni poveri.

La sua resistenza al freddo consente di coltivarla in giardino per tutto l’anno, soprattutto perché si tratta di una pianta che ama molto la luce diretta ed ha quindi bisogno di una buona esposizione per almeno alcune ore al giorno.

La concimazione deve avvenire verso la fine del periodo invernale ed ancora a fine estate, con concime organico o granulare a lenta cessione.

L’abete normandiana va innaffiata regolarmente, con particolare attenzione ai mesi caldi, evitando di lasciare asciugare il terreno per periodi troppo lunghi. Dutante l’autunno/inverno è però possibile provvedere all’irrigazione solo nei giorni più caldi.

In primavera, potrebbe rivelarsi utile un trattamento preventivo contro le malattie fungine, intervenendo prima del periodo di sviluppo delle gemme.